Palazzo Giuffrè

Palazzo Giuffrè è stato costruito alla fine dell'800 su un impianto cinquecentesco di proprietà della famiglia Piccolo. Nel corso degli anni ha subito numerose modifiche, ma quella più radicale è stata fatta dopo il terremoto del 1908 con l'eliminazione dell'androne antico e del ricco portale che si affacciava su via Mazzini, andando a valorizzare, invece, l'ingresso su piazza Dante. Tutto questo però non ebbe mai luogo e, ancora oggi, è possibile osservare il concio in chiave del portale è evidenziato da una voluta in marmo sulla cui base è riportata la scritta 1515 et iterum 1717, l'una presumibile data di fondazione della chiesa della omonima confraternita, l'altra, l'anno del suo completamento dopo i danni del terremoto del 1693. Sull'asse centrale della trabeazione del portale è murato lo stemma degli Joppolo Ventimiglia, Stemma probabilmente proveniente dai resti del Castello. Sulla stessa facciata, il cantonale serba memoria del sisma del 1739, che provocò gravi danni al palazzo. I prospetti sono conclusi in chiave classicheggiante.

Share