Centro culturale polivalente e Museo delle tradizioni religiose

Struttura del 1500 che nasce come convento francescano pertinente alla prima chiesa di San Calogero. Nel 1800 venne trasformato in Ospedale dei poveri, che veniva sovvenzionato dalle offerte dei fedeli e, in quegli anni, la chiesa che era costruita accanto al convento crollò a causa degli smottamenti del terreno friabile su cui è costruito il paese di San Salvatore. Verso la metà degli anni '60 venne adibito in laboratorio, poi in asilo comunale e infine in magazzino, fino a quando, con il progetto "Nebrodi Plus" venne trasformato in Centro Culturale Polivalente e Museo delle Tradizioni religiose". Al pian terreno è raccontata la storia del paese, a partire dalla seconda metà del II secolo d.C, lo trasformò in principato. Nel corso dei secoli, il paese ha subito numerose modifiche, con demolizioni e ricostruzioni che, purtroppo hanno distrutto molte testimonianze architettoniche dei tempi passati. Al primo piano è raccontata la storia della tradizione del culto di San Calogero nel paese di San Salvatore. Ciò che colpisce maggiormente sono le parti del corpo realizzate in cera e sapientemente decorate che, i fedeli miracolati, portavano e continuano a portare in segno di devozione, per grazia ricevuta, a San Calogero il giorno della festa che si svolge il 20 agosto di ogni anno.

Share