Castello di Sinagra

Il Castello, situato su un promontorio roccioso, sulla sponda destra della Fiumara di Sinagra, fu abitato da varie famiglie come i Branciforti, i Lancia, gli Afflitti, i Ventimiglia e gli Ioppolo e fu abbandonato nel 1739, quando venne fortemente danneggiato dal grave terremoto che colpì il paese. Si ipotizza che il Castello fosse originariamente nato come torre d’avvistamento e convertito, solo in seguito, probabilmente in epoca normanna, in residenza nobiliare. Oggi l’edificio, completamente inglobato nel centro abitato, conserva la torre con l’orologio, le mura perimetrali e una parte del cortile. Completa il complesso edilizio la piccola Chiesa di Sant’Antonio, a navata unica, presumibilmente edificata in epoca normanna. Luogo di grande fascino e suggestione, l’area del Castello è ideale per passeggiate romantiche, manifestazioni culturali, concerti e serate danzanti.

Condividi