Villa romana

La villa romana di Patti è stata scoperta nel 1973, durante i lavori di costruzione di un tratto d'autostrada, quando due piloni hanno distrutto parte del lato nord della villa a 6 km di distanza da Tindari. I vani maggiormente rappresentativi, tipici dell'edilizia privata tardoantica, sono costituiti dall'aula a pianta semicircolare, che si apre al centro dell'ala ovest e da uno spazio a tre punte, vero punto focale dell'ala sud, che dal cortile interno guarda verso il mare. Alcuni mosaici sono andati distrutti, ma altri sono in un buon stato di conservazione e rappresentano una griglia di pannelli quadrati inseriti in una cornice continua di ghirlande d'alloro arricchite da motivi ornamentali e floreali, di tipiche fatture siciliana e africana.

Share